IL TERRITORIO – Arte e storia

14

Arte e storia

Campli
Civitella
Atri

Campli, Civitella del Tronto, Atri: città dalla storia millenaria e scrigni di tesori, custodite nel cuore delle colline teramane.

Campli, città farnese, è posta ai piedi dei Monti Gemelli; luogo dove arte, storia, tradizione e culto religioso si fondono in maniera unica. Durante una passeggiata per il borgo si possono ammirare, tra le varie chicche, la ex Cattedrale di Santa Maria Platea, dalla bellissima e suggestiva Cripta medievale, la Scala Santa, una delle sole tre riconosciute al mondo. Inoltre esempi di architettura medievale e rinascimentale come la Casa del Medico e quella dello Speziale, oltre al Palazzo del Parlamento, che rappresenta la costruzione civica più antica d’Abruzzo.

Un borgo dall’apparenza tranquilla, ma che regala ai visitatori delle emozioni e delle sorprese inaspettate.

Civitella del Tronto è uno dei centri più rappresentativi ed evocativi della Provincia Teramana. Qui si può ancora “respirare” la storia che ha plasmato il borgo e la Fortezza Borbonica che la sovrasta.

La cittadina si erge, con un panorama mozzafiato, su uno sperone roccioso, ed è caratterizzato dalle sue strette vie, tra le quali la“Ruetta, la via d’Italia più stretta”, dai suoi palazzi dai portali finemente lavorati, dalle sue Chiese e i suoi Monumenti.
Di straordinaria bellezza è l’Abbazia di Montesanto, luogo della spiritualità e votato al raccoglimento e alla preghiera, situato su un colle silenzioso e immerso da secoli nella quiete della campagna.

Atri, città ducale a ridosso della costa teramana, è così importante da dare il nome al mare Adriatico, che un tempo la bagnava. Il suo affascinante centro storico è un dedalo di viuzze che hanno conservato l’antico aspetto medievale, in taluni punti ricalcato sul modello della urbs romana.
Meraviglia assoluta, quasi sconosciuta ai più, è il coro della Cattedrale di Santa Maria Assunta, che custodisce il pregevole ciclo di affreschi rinascimentali di Andrea Delitio. Dall’interno della Chiesa si passa a quello che era l’antico Chiostro, annesso al Monastero Benedettino, e alla Cisterna Romana.
Tra arte e natura, il paesaggio delle colline atriane affascina per l’eccezionale presenza dei Calanchi, vere e proprie sculture naturali, frutto della millenaria erosione del terreno argilloso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...